Corso di Formazione per Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale

Corso di Formazione per Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale

Corso di Formazione per Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale

Non è in vendita online

Descrizione

Modulo 1 (ore 4):

 Introduzione al corso;

Principi giuridici nazionali e comunitari

Quadro normativo in materia di sicurezza dei lavoratori e la responsabilità civile e penale: D.Lgs. 81/08 – TESTO UNICO: Titolo I

Modulo 2  (ore 4):

D.Lgs. 81/08 – TESTO UNICO: Titolo IV;

La contrattazione in edilizia e il ruolo degli Organismi Paritetici Bilaterali;

Norme di buona tecnica;

Verifica interattiva;

Modulo 3 (ore 4):

 I principali soggetti coinvolti e i relativi obblighi;

Informazione e formazione(artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08); Il libretto formativo;

I rapporti con i rappresentanti dei lavoratori; 

Le funzioni del Medico Competente e le malattie professionali;

Modulo 4 (ore 4):

La valutazione dei rischi;

Definizione e individuazione dei fattori di rischio;

I principali tipi di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza;

Appalti, lavoro autonomo e sicurezza;

Verifica interattiva;

Modulo 5 (ore 4):

I dispositivi di protezione individuale e la segnaletica di sicurezza;

La tutela assicurativa, le statistiche e il registro infortuni;

Gli organi di vigilanza e di controllo nei rapporti con le aziende;

Elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi;

Modulo 6   (ore 4):

L’incendio e la prevenzione;

Protezione antincendio e procedure in caso di incendio; 

Esercitazione pratica mediante audiovisivi;

D.M. 10.03.1998;

Verifica interattiva;

Modulo 7 (ore 4):

I luoghi di lavoro;

Aspetti normativi dell’attività del RLS;

Verifica interattiva;

Modulo 8 (ore 4):

La gestione aziendale e il SGSL UNI – INAIL;

Ergonomia; 

Rischi psicosociali;

Progettazione formativa e nozione di tecnica di comunicazione;

La negoziazione e il ruolo propositivo - consultivo dell’ RLS;

Verifica interattiva;

Modulo 9  (ore 4):

Macchine ed attrezzature di lavoro;

Gru e paranchi;

Impianto elettrico di cantiere;

Modulo 10  (ore 4):

Movimentazione Manuale dei Carichi;

Rumore e Vibrazioni;

Verifica interattiva;

Modulo 11 (ore 4):

Rischio chimico, cancerogeno e mutageno;

La legge quadro sull’alcol;

Modulo 12  (ore 4):

Adempimenti e sanzioni D.Lgs. 81/08 – TESTO UNICO;

Il Titolo IV del T.U. e le leggi sui LL.pp.;

Verifica interattiva;

Modulo 13 (ore 4):

La documentazione di sicurezza nel cantiere;

L’organizzazione del cantiere e gli apprestamenti di sicurezza

Scavi e lavori stradali;

Modulo 14  (ore 4):

I Piani di sicurezza in edilizia; 

Il cad. 3D nella sicurezza cantieri;

 All. XV – D.Lgs. 81/08: cont.. min. PSC,POS, costi sicurezza;  

Realtà operativa cantieri;

Verifica interattiva;

Modulo 15 (ore 4):

Lavori in altezza;

I ponteggi e il Pi.M.U.S. con test di verifica apprendimento;

Modulo 16 (ore 4):

Il ruolo del Coordinatore sicurezza per l’esecuzione;

Motivazione al comportamento sicuro;

Esempi pratici di PSC, F.T., POS E Pi.M.U.S.;

Test di verifica finale ( questionario a risposta multipla ).

Scheda Tecnica

1. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale di cui all’articolo 47, comma 3, esercita le competenze del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di cui all’articolo 50 e i termini e con le modalità ivi previste con riferimento a tutte le aziende o unità produttive del territorio o del comparto di competenza nelle quali non sia stato eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.
2. Le modalità di elezione o designazione del rappresentante di cui al comma 1 sono individuate dagli accordi collettivi nazionali, interconfederali o di categoria, stipulati dalle associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. In mancanza dei predetti accordi, le modalità di elezione o designazione sono individuate con decreto del Ministro del lavoro, 50 della salute e delle politiche sociali, sentite le associazioni di cui al presente comma.
3. Tutte le aziende o unità produttive nel cui ambito non é stato eletto o designato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza partecipano al Fondo di cui all’articolo 52. Con uno o più accordi interconfederali stipulati a livello nazionale dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative vengono individuati settori e attività, oltre all’edilizia, nei quali, in ragione della presenza di adeguati sistemi di rappresentanza dei lavoratori in materia di sicurezza o di pariteticità, le aziende o unità produttive, a condizione che aderiscano a tali sistemi di rappresentanza o di pariteticità, non siano tenute a partecipare al Fondo di cui all’articolo 52.
4. Per l’esercizio delle proprie attribuzioni, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale accede ai luoghi di lavoro nel rispetto delle modalità e del termine di preavviso individuati dagli accordi di cui al comma 2. Il termine di preavviso non opera in caso di infortunio grave. In tale ultima ipotesi l’accesso avviene previa segnalazione all’organismo paritetico.
5. Ove l’azienda impedisca l’accesso, nel rispetto delle modalità di cui al presente articolo, al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale, questi lo comunica all’organismo paritetico o, in sua mancanza, all’organo di vigilanza territorialmente competente.
6. L’organismo paritetico o, in mancanza, il Fondo di cui all’articolo 52 comunica alle aziende e ai lavoratori interessati il nominativo del rappresentante della sicurezza territoriale.
7. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale ha diritto ad una formazione particolare in materia di salute e sicurezza concernente i rischi specifici esistenti negli ambiti in cui esercita la propria rappresentanza, tale da assicurargli adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi stessi. Le modalità, la durata e i contenuti specifici della formazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva secondo un percorso formativo di almeno 64 ore iniziali, da effettuarsi entro 3 mesi dalla data di elezione o designazione, e 8 ore di aggiornamento annuale.
8. L’esercizio delle funzioni di rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale é incompatibile con l’esercizio di altre funzioni sindacali operative.